Nuovo Tuma delle Madonie stagionata (latte vaccino) Visualizza ingrandito

Tuma delle Madonie stagionata (latte vaccino)

Nuovo

La tuma di vacca, detta anche canestrato in virtù dell'aspetto finale prodottosi in seguito alla raccolta della cagliata nei canestri di giunco, è prodotta con una tecnica quasi identitica a quella con cui si produce il formaggio pecorino.

Maggiori dettagli

10,00 €

Dettagli

Il latte di due o più mungiture intero viene scaldato in tine fino a 37 gradi, cagliato con caglio di agnello che andrà ad irrobustire il sapore e poi la cagliata viene poi rotta in granuli fini.

La cagliata rotta viene poi estratta, posta in canestri di giunco e pressata energicamente a mano e dopo questo passaggio avviene la fase simile alla produzione del pecorino e cioè la "scottatura". Le forme vengono poste sotto il latticello di lavorazione che è portato a 80 gradi.

Si procederà poi all'asciugatura su tavolozzi di legno e alla salatura a secco che durerà per qualche giorno. Si passa poi alla stagionatura in ambienti freschi e ventilati naturali per un periodo minimo di 8 mesi.

Il gusto della tuma delle Madonia è sapido quasi piccante. La pasta è dura ed il profumo molto intenso di olio extravergine. La Tuma difatti, durante i primi periodi della stagionatura viene unta in superficie con olio di oliva di produzione aziendale.

La Tuma delle Madonie è prodotta dall'Azienda agricola Invidiata nel Parco delle Madonie. L'azienda Invidiata produce esclusiveamente formaggi con tecniche biologiche a partire dall'alimentazione delle bovine fino alla stagionatura finale del formaggio ed è riconosciuta con il bollino regionale "bio".

La stessa azienda produce la Provola delle Madonie al limone che è un formaggio tutelato dal presidio slow food.

Recensioni

Non ci sono commenti dei clienti al momento.

Scrivi una recensione

Tuma delle Madonie stagionata (latte vaccino)

Tuma delle Madonie stagionata (latte vaccino)

La tuma di vacca, detta anche canestrato in virtù dell'aspetto finale prodottosi in seguito alla raccolta della cagliata nei canestri di giunco, è prodotta con una tecnica quasi identitica a quella con cui si produce il formaggio pecorino.

Scrivi una recensione

Blog