Dobbiaco in stanga

Imballo refrigerato

Il Dobbiaco in stanga (in lingua locale chiamato “Toblacher Stangenkase”) è un formaggio a sezione quadrata ed a forma di parallelepipedo originario del comune omonimo di Dobbiaco in Val Pusteria in provincia di Bolzano. …

Maggiori dettagli

Informazioni sul prodotto

Essendo un formaggio originario di una zona montana tra l'altro molto conosciuta può godere delle caratteristiche di un latte alpino di alta qualità prendendo per intero le migliori caratteristiche dell'erba e dei fiori di cui si nutrono le bovine.

L'unico produttore oggi iscritto alla produzione del Dobbiaco è la latteria "Tre Cime di Dobbiaco" la quale raccoglie il latte di alta qualità di 180 soci conferenti.

COME SI PRODUCE IL DOBBIACO

Appena giunto in caseificio dopo essere stato pastorizzato il latte è posto all’interno di caldaie in rame con doppiofondo, riscaldato alla temperatura di circa 35°C e addizionato di caglio e fermenti lattici.

Dopo circa 20 minuti di coagulazione, la massa caseosa ha raggiunto la giusta consistenza per essere rotta con uno strumento chiamato “lira” in granuli delle dimensioni desiderate.

Si inizia quindi la fase di riscaldamento della cagliata a una temperatura compresa tra i 42 e i 48°C, mantenendo la massa caseosa in continuo movimento in modo da eliminare la maggiore quantità di siero all’interno del chicco di cagliata.

Dopo circa 20 minuti la pasta passa alla fase di formatura, fase in cui la pasta prende la caratteristica forma di parallelepipedo tipica del formaggio in questione.

Terminata la formatura, il formaggio è prima salato tramite immersione in salamoia e poi trasferito in celle aventi una temperatura di circa 8-10°C e umidità relativa dell’85%-90% per la stagionatura. Il periodo di maturazione medio è di circa 6 settimane.

CARATTERISTICHE DEL FORMAGGIO DOBBIACO IN STANGA

Questo formaggio ha una sua caratteristica molto particolare: ha una forma parallelepipeda. Mostra un’altezza e una larghezza di circa 10 centimetri, con una lunghezza di 30 centimetri e un peso di circa 5 kg.

Il formaggio Dobbiaco esiste da circa una cinquantina di anni. Le motivazioni per la forma possono essere tante: comodità nel trasporto visto che le forme possono essere sistemate una sopra all’altra; riduzione al minimo dello scarto al taglio, considerando che tolta la prima crosta è più facile da tagliare in fette regolari.

Alcuni sostengono che questa forma a parallelepipedo sia nata con l’aumento del turismo per la comodità nel suo utilizzo per la preparazione dei panini. In zona però è diventato un grande formaggio da piastra calda.

Tagliato a fette spesse due o tre o quattro volte lo spessore di una sottiletta diventa un comodo formaggio da fondere in pratici quadrati che si prestano ad essere accompagnati da polenta in grande quantità come è uso fare nelle giornate di festa in queste zone di montagna.

Blog